Pubblicato in: Il mondo visto da qui

Dar fuoco a un cane è da malati di mente.

Carmen Vurchio (236)
Carmen Vurchio

Ho letto che nel Brindisino qualcuno ha dato fuoco a un cane, perché abbaiava troppo. Il cane è vivo per miracolo.

Leggere queste notizie, mi spezza il cuore.

A voi che siete entrati in quell’appartamento, di notte, come dei ladri, per legare e dare fuoco a quel povero cane che tanto vi disturbava, va tutto il mio disprezzo.

Ma come si fa a ridurre un cane in quelle condizioni? Come si fa a volerlo bruciare vivo solo perché abbaia? Questa è gente malata, tanto malata, che andrebbe curata.

Un bacio a Giako, stupendo husky di 7 anni. Un abbraccio all’anziana signora che vive con lui e che mentre qualcuno tentava di ucciderlo, purtroppo dormiva.

cane
Giako

Mi sento particolarmente coinvolta, perché ho due cani e a volte abbaiano. Fanno la guardia. Se qualcuno passa davanti al cancello di casa, certo non gli fanno le feste. Una signora straniera qualche giorno fa mi ha detto che un tizio vorrebbe spruzzargli negli occhi uno spray al peperoncino, perché odia i cani e non sopporta sentirli abbaiare. Quale tizio? Non me lo ha voluto dire.

Ecco qual è il problema: c’è chi sa, c’è chi vede, chi potrebbe aiutare a prevenire, e invece preferisce rimanere ad osservare, per paura di agire o semplicemente perché se ne frega d’intervenire. Anche questa, a mio avviso, è gente da curare. Gente che forse avrebbe semplicemente bisogno di scoprire quanto un cane possa amare.

IMG-20170902-WA0005