Pubblicato in: Il mondo visto da qui

I politici che non danno valore al denaro

Ho sentito dire che tornare alle urne costerebbe all’Italia 400 milioni di euro. E ho sentito dire anche che è il costo della democrazia. Ho sentito che i nuovi eletti hanno paura di non essere rieletti. E ho sentito anche partiti garantire il posto ai più timorosi. Ma se sento ancora dire che non ci sono soldi per i disabili, che non ci sono soldi per le persone bisognose, per i disoccupati, o per i tanti poveri che popolano la nostra bella Italia, allora sì che inizio a urlare. Buttiamo dalla finestra milioni di euro solo per i capricci di qualcuno e per la salvaguardia delle poltrone di qualcun altro. Soldi che non basterebbero a risolvere i problemi dell’umanità ma che certamente strapperebbero un sorriso a tante persone che da tempo si sono dimenticate quanto sia bello sorridere alla vita. Viva il populismo. Viva chi vive con i piedi per terra. Abbasso chi spende il denaro altrui, senza sapere quanto sia faticoso guadagnarlo.

Pubblicato in: Il mondo visto da qui

Sorridono solo loro

Ho appena finito di vedere in tv un noto politico passeggiare sorridente, intento a raggiungere la sua meta a piedi, anche se seguito da un fiume di giornalisti. Lui non ha detto una parola, il fiume lo ha seguito sperando che quella parola la pronunciasse. Ora mi chiedo: cosa ci vuole a fermarsi un attimo e a dedicare un minuto a chi ha il compito d’informare il Paese sugli sviluppi delle consultazioni? Invece no. Si passeggia sorridendo ma senza fiatare, irrispettosi del lavoro altrui. Perché oltre al giornalista che tiene il peso fisico di un microfono e psicologico di portare a casa il risultato, c’è l’operatore che ha in spalla una telecamera pesante, c’è chi porta le luci, chi il microfono con l’asta. Una passeggiata per qualcuno è vivere la propria celebrità, per qualcun altro è spezzarsi la schiena. Quindi cari politici, se volete che gli altri rispettino voi, iniziate col rispettare gli altri, giornalisti compresi. Una categoria alla quale io appartengo e sulla quale è facile sputare, soprattutto quando non serve più. Una categoria cara ai politici solo in campagna elettorale, quando anche un semplice conduttore senza tesserino e conoscenza in materia, diviene il miglior interlocutore possibile. Quando si è disposti a parlare anche ai muri, perché hanno orecchie e potrebbero consigliare a qualcuno…per chi votare.